Berlioz, Symphonie fantastique

La partitura della “Symphonie fantastique” di Hector Berlioz

Il programma scritto da Berlioz:

« Il compositore si è posto il fine di sviluppare nella loro essenza musicale diverse situazioni della vita di un artista. La trama del dramma strumentale, privo dell’ausilio della parola, dev’essere esposta anticipatamente. Il seguente programma va dunque considerato come il testo parlato di un’opera, utile ad unire frammenti musicali di cui esso motiva il carattere e l’espressione. Berlioz prevede però che si possa non tener conto del programma, poiché la Musica basta a se stessa:

Il seguente programma dev’essere distribuito all’uditorio ogni volta che la Sinfonia Fantastica sia eseguita in forma drammatica e di conseguenza seguita dal monodramma Lelio, che termina e completa l’episodio della vita d’un artista. In tal caso, l’orchestra invisibile è disposta sulla scena d’un teatro al di là del sipario abbassato.

Se si esegue la sinfonia isolatamente in concerto, questa disposizione non è più necessaria: a rigore, è possibile anche evitare di distribuire il programma, conservando soltanto il titolo dei cinque pezzi; la sinfonia (l’autore lo spera) può garantire di per se stessa un interesse musicale indipendente da ogni intenzione drammatica.

Prima parte: Fantasticherie – Passioni

Il compositore immagina che un giovane musicista, agitato da quella infermità spirituale che un celebre scrittore denomina l’indeterminatezza delle passioni, vede per la prima volta una donna che riunisce tutto il fascino dell’essere ideale che la sua immaginazione ha vagheggiato, e se ne innamora perdutamente. Per una strana bizzarria, la cara immagine non appare alla mente dell’artista che legata a un’idea musicale, in cui egli avverte un certo carattere appassionato, ma nobile e riservato, come quello che attribuisce all’oggetto amato.

Questa immagine melodica e il suo modello lo perseguitano incessantemente come una doppia idea fissa. Ecco perché la melodia iniziale del primo Allegro ricorre costantemente in ogni movimento della sinfonia. La transizione da uno stato di sognante malinconia, interrotta da vari accessi di gioia immotivata, ad uno di passione delirante, con i suoi impulsi di rabbia e gelosia, i suoi ricorrenti momenti di tenerezza, le sue lacrime e le sue consolazioni religiose, è l’argomento del primo movimento.

Seconda parte: Un ballo

L’artista viene a trovarsi nelle più diverse circostanze della vita: nel mezzo del tumulto d’una festa, nella pacifica contemplazione delle bellezze della natura; ma ovunque, in città o in campagna, la cara immagine gli si presenta e turba la sua anima.

Terza parte: Scena campestre

Trovandosi una sera in campagna, sente in lontananza due pastori che suonano, facendosi eco, una melodia campestre; questo duetto pastorale, lo scenario naturale, il frusciare leggero degli alberi dolcemente agitati dal vento, alcuni motivi di speranza ch’egli subito concepisce, tutto concorre a restituire al suo cuore una pace inusuale e a dare ai suoi pensieri un colore più gaio. Egli riflette sul proprio isolamento, spera che presto non sarà più solo… Ma se lei lo deludesse!… Questo miscuglio di speranza e timore, questi pensieri di felicità turbati da neri presentimenti formano il soggetto dell’Adagio. Alla fine, uno dei pastori riprende la melodia campestre; l’altro non risponde più… Rumore lontano di tuono… Solitudine… Silenzio…

Quarta parte: Marcia al supplizio

Avendo maturato la certezza che non solo colei ch’egli adora non corrisponde il suo amore, ma che è incapace di comprenderlo e addirittura ne è indegna, l’artista si avvelena con dell’oppio. La dose del narcotico, troppo esigua per dargli la morte, lo sprofonda in un sonno accompagnato dalle più atroci visioni. Egli sogna di aver ucciso la sua amata, di essere condannato e condotto al supplizio, di assistere alla sua stessa esecuzione. Il corteo avanza al suono di una marcia ora ombrosa e selvaggia, ora brillante e solenne, nella quale un rumore sordo di gravi passi è seguito senza transizione da scoppi di fragore eclatante. Conclusa la marcia, le prime quattro battute dell’idea fissa ricompaiono come un ultimo pensiero d’amore interrotto dal colpo fatale.

Quinta parte: Sogno di una notte di sabba

Egli vede se stesso al sabba, nel mezzo di un’orda spaventosa di ombre, di stregoni, di mostri d’ogni specie, riuniti per i suoi funerali. Strani rumori, gemiti, scoppi di risa, grida lontane alle quali altre grida sembrano rispondere. La melodia amata compare ancora, ma essa ha perduto il suo carattere di nobiltà e di timidezza; ormai non è altro che un’aria di danza ignobile, triviale e grottesca: è lei che giunge al sabba… Ruggito di gioia al suo arrivo… Ella si unisce all’orgia diabolica… Campane a morto, parodia burlesca del Dies Irae, ronda del Sabba. La ronda del Sabba e il Dies Irae insieme.»

L'”idee fixe” di Berlioz

idee_fixe

e due versioni diverse ma con (quasi) la stessa orchestra:

Annunci